Praticamente….FOCACCIA!

In questi giorni di vita casalinga forzata pare che il mood più diffuso sia quello di indossare il grembiule e mettersi ai fornelli. Perciò…che dire?! BENVENUTI NEL MIO MONDO 🙂

Una amica, che credo ora stia leggendo (ciao Ale 🙂 leggi fino all’ultimissima riga eh! ) mi ha chiesto la ricetta della mia focaccia; le ho chiesto quale versione volesse e cioè se quella “pratica” o quella “tecnica”… la risposta si può intuire anche dal titolo di questo articolo 😉

Questa è la ricetta della focaccia che ci hanno insegnato al master per diventare chef e che ci siamo portati fino all’esame. Solo un consiglio: segui alla lettera dosi e soprattutto tempi!

– 250ml acqua tiepida

– 500gr farina forte di grano tenero (quella per pizza)

– 10 gr lievito di birra ( non è poco fidati)

– 7 gr sale

– 25 ml (occhio non 250!!!) Olio oliva

– 50ml latte

Fai sciogliere il sale in 1/4 dell’acqua e il lievito nei 3/4. Inizia versando a pioggia la farina nei 3/4 dell’acqua con lievito, impasta e man mano aggiungi l’acqua col sale, fai assorbire e poi aggiungi l’olio e il latte; impasta bene per almeno 10 min per ottenere un impasto liscio. Inumidisci un torcione con acqua tiepida e copri l’impasto; lascia riposare per 15 minuti. Rilavora l’impasto per 3-4 minuti e copri di nuovo con torcione umido; lascia riposare per altri 15 minuti. Suddividi l’impasto in pagnotte (tante per quante teglie vuoi fare), mettile su un vassoio, copri con torcione umido e lascia riposare per 30 minuti. Ungi le teglie con olio di oliva, stendi l’impasto (1 pagnotta per teglia) con le mani, lasciando che le dita creino dei buchini, spennella con olio, copri con pellicola e lascia lievitare per 1 ora. Inforna a 220° ( mi raccomando il forno deve essere già a temperatura quando inforni) per 15 minuti. Intanto preparati la salamoia in una ciotola: 50ml olio +50ml acqua e mescola bene con forchetta (se non bastasse per tutte le teglie rifalla). Togli dal forno, spennella con salamoia (se vuoi spargi un poco di sale grosso e del rosmarino tagliato grossolanamente a coltello), rimetti in forno per 3-4 minuti. Togli dal forno, solleva la focaccia con una spatola, ungi la teglia di nuovo e riappoggia la focaccia; lascia raffreddare in teglia per qualche minuto.

*Curiosità: ad essere sincera la dose del lievito dovrebbe variare a seconda che sia estate o inverno, idem per la temperatura dell’acqua ma le mie indicazioni sopra andranno benissimo in tutte le stagioni. Se hai molti ospiti puoi moltiplicare le dosi senza problemi, ma ti direi fino ad un massimo di 4 volte. Invece se vuoi farla alle cipolle (questa è davvero per tua richiesta Ale 😉 ) , usa quelle bianche o gialle, tagliale a fettine sottilissime e cospargi la focaccia prima di informarla per la prima volta; salta il penultimo  passaggio della salamoia (ma non l’ultimo di ungere la teglia!)

Seguimi e condividi!




#antipasto #focaccia #pane #prodottidaforno

1 visualizzazione

© 2020 Chef and the City, tutti i diritti riservati.